Pompe di calore ad assorbimento a gas metano: una soluzione da non sottovalutare.
13 Marzo 2019
Ecobonus (65%), Bonus Casa e Conto Termico: Incentivi decurtati per i nuovi edifici.
3 Marzo 2020
Mostra tutto

Bonus fiscali 2020: Proroghe e novità (Bonus facciate 90%)

Con la nuova legge finanziaria (n° 160 del 27/12/2019) sono state prorogate tutte le detrazioni fiscali sulla casa come l’ Ecobonus, Bonus casa, Bonus mobili e Sismabonus e introdotto un nuovo incentivo denominato “Bonus facciate 90%”. Di seguito una descrizione sommaria dei vari incentivi.

BONUS FACCIATE 90%

La novità più importante è il “bonus facciate” mediante il quale è possibile usufruire di una detrazione del 90% e senza limiti di spesa relativi ad interventi effettuati a partire dal 1 Gennaio 2020 e finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A (centri storici) e B (totalmente o parzialmente edificate). Sono inclusi anche interventi di sola pulitura o tinteggiatura finalizzati al restauro o recupero della facciata esterna. Le zone A sono le parti del territorio interessate da edifici che hanno carattere storico, artistico o di particolare pregio ambientale o da porzioni di essi. Le zone B sono le parti del territorio totalmente o parzialmente edificate, diverse dalle zone A. Sono ammessi all’agevolazione solo gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi (ad esempio non rientrano nella detrazione al 90% la sostituzione degli infissi). Nel caso di interventi volti al rifacimento delle facciate che comportano delle modifiche al comportamento energetico dell’involucro disperdente oppure che interessano più del 10% della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio è richiesto che i lavori eseguiti soddisfino anche quanto richiesto dal D.M. 26-06-2015 denominato anche Decreto Requisiti Minimi.  La detrazione prevede una rateizzazione annuale e per 10 anni del 90% dell’importo.

Di seguito l’elenco sommario degli interventi rispondenti alla detrazione al 90%:

  • Rifacimento ornamenti e/o fregi,
  • Ristrutturazione balconi,
  • Pulitura o tinteggiatura,
  • Intervento sull’ involucro opaco (no infissi) che apportano modifiche alla prestazione energetica dello stato di fatto (rispetto dei Requisiti minimi D.M. 26/06/2015),
  • Intervento sull’ involucro opaco (no infissi) con superficie interessata maggiore del 10% della superficie disperdente dell’edificio.

ECOBONUS

Per la riqualificazione energetica degli edifici la detrazione (o ECOBONUS) sarà prorogata fino al 31 Dicembre 2020. Anche in questo caso il rimborso della detrazione avverrà in dieci rate annuali di pari importo. 

Come di consueto saranno incentivati con un bonus del 65% gli interventi di:

  • riqualificazione energetica globale,
  • lavori di efficientamento energetico sull’involucro,
  • l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda,
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione in classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, e pompe di calore ad alta efficienza e sistemi geotermici a bassa entalpia.
  • la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria,
  • l’acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione degli impianti esistenti.

E’ prevista invece una detrazione al 50% per i seguenti interventi:

  • la sostituzione delle finestre comprensive di infissi,
  • l’acquisto e posa in opera delle schermature solari,
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con SOLE caldaie a condensazione in classe A
  • la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti a biomassa.

Infine Per le parti comuni di edifici condominiali, i lavori che interessano almeno il 25% dell’involucro otterranno la detrazione del 70%, che sale al 75% se con l’intervento di miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva si consegue almeno la qualità media di cui al DM 26 giugno 2015. In questo caso, le agevolazioni scadono infatti il 31 dicembre 2021.
 
BONUS RISTRUTTURAZIONI (BONUS CASA) E SISMABONUS

Confermato per un anno anche il bonus delle ristrutturazioni o del 50%. Di fatto, si continuerà a detrarre dall’Irpef il 50% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2020, con un limite massimo di 96.000 euro per unità immobiliare, per la riqualificazione edilizia delle abitazioni e delle parti comuni degli edifici condominiali.

Anche in questo caso la detrazione sarà ripartita in dieci quote annuali.
 
L’agevolazione riguarda gli interventi di:

  • manutenzione ordinaria (solo parti condominiali),
  • manutenzione straordinaria,
  • restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia
  • lavori su immobili danneggiati da calamità
  • l’acquisto e costruzione di box e posti auto
  • l’eliminazione delle barriere architettoniche
  • la prevenzione degli illeciti (cancelli, sistemi di allarme e/o videosorvelgianza)
  • la cablatura e riduzione dell’inquinamento acustico
  • gli interventi per il risparmio energetico
  • l’adozione di misure antisismiche
  • la bonifica dall’amianto
  • la messa in sicurezza contro gli infortuni domestici.

Nulla cambia, infine per gli interventi di miglioramento e adeguamento antisismico (sismabonus) le cui detrazioni sono previste fino al 31 Dicembre 2021.
Il Sismabonus consiste in una detrazione fiscale del 50%, nel limite di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare per ciascun anno, ripartita in cinque quote annuali di pari importo. Se dagli interventi antisismici deriva la diminuzione di una o due classi di rischio, la detrazione sale al 70% o 80% per le singole unità immobiliari e al 75% o 85% in condominio.

 

MAGGIORI INFO SULLE DETRAZIONI 2020

Contattateci per richiedere info sulle detrazioni previste nel 2020 e sul relativo servizio pratiche richieste incentivi.